lunedì 18 gennaio 2010

ALTRI DUE E POI BASTA! GIURO.

Lo scaldacollo colpisce ancora.
E' come un'epidemia che dilaga, dilaga, dilaga... non guarisco mai del tutto e me la trascino da mesi questa malattia dello scaldacollo!
Ah ma finirà l'inverno, eh!

Dunque: uno, quello verde-mischiato, è stato fatto apposta per soddisfare il desiderio di un'amica "fastidiosa" ma quasi sempre adorabile nel suo fare i capricci. (Ho detto quasi, eh!)
L'altro invece è stato pensato per volare lontano ma al momento giace nel mio armadio e chissà se riuscirò a farlo decollare. Chissà.


E ora promesso: scaldacolli basta più!

PS: certo che le foto con il sole sono tutta un'altra cosa!

7 commenti:

Elena ha detto...

Brava Ines, bellissimo anche questo!!!
Se ti vien voglia di ballare per strada dovrai organizzarti anche tu e diffondere la musica perchè se ti metti a ballare senza che tutta la gente senta, ti portano via sicuramente con la neuro!!!
Ciaooooo.... Elena.

Lo ha detto...

ma perchè basta più...sono così belli bacione

AnnaDrai ha detto...

coma si fa a resistere ad uno scaldacollo, con questo freddino mi ci tufferei volentieri dentro ;)
grazie per la visita
un caro saluto

JESSICA ha detto...

Anche io ho la tua stessa malattia!
Il fatto è che ci vuole poco tempo per realizzarli e poi sono così utili...
Continua pure, mi piacciono molto e tu hai molto buon gusto.
Un bacio,
Jessica.

Ines ha detto...

per tutti, avevo dimenticato di postare le foto del secondo scaldacollo vola lontano

Elena, mi ci vedo bene con la camicia di forza... ihihhiiiih! Però... una camicia di forza all'uncinetto? ...mmm ci devo pensare! :)

Lo, hai ragione, l'unico modo per sconfiggere le tentazioni è cedervi;)

Anna, sissì tengono caldo caldo ^__^

Jessica, è vero è proprio come dici tu!

Valentina ha detto...

Ciao! Vorrei fare uno scaldacollo proprio come questo dovendo andare per lavoro a Parma a prendere un bel po' di freddo! Posso trovare lo schema da qualche parte? Grazie mille!

Ines ha detto...

Ciao Valentina,
mi fa piacere che aprezzi!
Questo modello l'ha partorito il mio cervellino e non ho uno schema ben preciso da darti però ti posso spiegare più o meno come si fa.
Il punto io lo chiamo "della zia Gina" perchè è lei che lo ha insegnato a mia mamma che lo ha insegnato a me.
sono praticamente tanti quadrati fatti di 4 punti alti che si incrociano obbliquamente con quadrati nel senso opposto (passata succesiva).
Fai così:
parti con una catenella lunga circa 16 (se ti avanza tagli)
Al terzo buco fai due punti alti e chiudi con un punto nascosto due catenelle dopo. Hai così il primo quadrato e l'uncinetto infilato nell'angolo del quadrato. A questo punto fai due catenelle e due punti alti e chiudi due catenelle dopo per il quarto bastoncino. Prosegui così fino alla fine.
Al secondo giro è uguale e i quadrati ti verranno orientati nel senso opposto. Per partire dovrai fare 3 catenelle per la base e due per il primo bastoncino e poi a seguire come sotto.
Quando ho raggiunto una lunghessa adeguata (circa 20/25 cm) io inizio a diminuire un quadrato ogni due passate per dare ad un capo dello scaldacollo una forma più affusolata, fino a quando non te ne rimangono due/tre.
E' più facile a dirsi che a farsi.
Alla fine io infilo un nastrino e chiudo con un fiocco ma puoi rifinirlo come vuoi.
Se hai problemi contattami pure al mio indirizzo email!
Buon lavoro ciaooo Valentina!