lunedì 14 maggio 2012

TUTTO SI CREA, NULLA SI DISTRUGGE.

Alle soglie di un esaurimento nervoso (erano anni che non urlavo così) le ultime ore sono finalmente più serene. Forse merito del sole e delle giornate lunghe, forse merito di Carlo che mi coccola un pò di più, forse merito di me stessa che so sempre trovare la maniera di rialzarmi anche dopo gli scivoloni più rovinosi. Tie'.
Il respiro della mia anima, la mia fonte di serenità sono le mani e tutto ciò che riesco a farci. Ormai è il mio assioma.
Ecco le ultime produzioni...


Questo è il papillon per mio nipotino che ci porterà le fedi...

"Simone, allora ti va di farci da pagetto?"
"Ecchee il pagetto, zia?"
"Allora, devi prendere un ciscino dove qualcuno ha messo le nostre fedi e devi camminare davanti a me e al nonno con questo ciscino in mano fino allo zio Carlo, va bene?"
"... ..."
"Simone, hai capito?"
"... ..."
"Simo??!!"
"Mih zia, ma è difficile!!"





2 commenti:

Lo ha detto...

dai dai...che bello leggerti così più ariosa più forte....un abbraccio
p.s.le tue creazioni sono meravigliose sempre

Michelle ha detto...

Ciao Ines, il mio blog esiste ancora, ha solo cambiato indirizzo. Adesso mi trovi su puntocroceuncinettofantasia.blogspot.it Auguri per le nozze!Io ci sono già passata, vedrai che è un momento bellissimo. Un abbraccio, Michelle